Prima di prendere in considerazione le caratteristiche e i cambiamenti portati dalla nuova release di WordPress, cosa che farò nel prossimo articolo, voglio fare qualche considerazione personale su quanto sia giusto o necessario mantenere sempre aggiornati i nostri siti.

In linea di massima si, tenersi aggiornati all’ultima versione di WP è cosa buona e giusta: il vostro sito risulterà sempre più sicuro e avrete a disposizione sempre nuove funzioni che renderanno il vostro lavoro più semplice ed efficace. Ma attenzione, l’aggiornamento non è sempre cosa semplice e indolore come spesso viene scritto e i problemi conseguenti potrebbero essere veramente drammatici. Per evitarli due semplici regole da seguire.

1 – Effettuate sempre un backup del vostro sito prima di cominciare. A dir la verità dopo aver eseguito diverse centinaia di aggiornamenti sui più svariati server, posso dire che non mi è mai successo di perdere porzioni o interi siti durante il lavoro… ma un backup è così semplice da fare che non correrei mai il rischio. Può bastare anche solo il backup dei contenuti che si effettua direttamente dal pannello di WP, STRUMENTI>Esporta.

2 – Verificare sempre la compatibilità di tema e plugin con la nuova versione di WP. E questa è la cosa più importante. In questo campo però la casistica di problemi riscontrati è talmente vasta da rendere impossibile stabilire regole di comportamento corrette e valide per tutti. Tranquilli, nella maggior parte dei casi il vostro tema e i vostri plugins funzioneranno ancora (conosco siti con temi che erano stati realizzati per WP 2.5 e viaggiano ancora alle grande su WP 4.2) ma cosa fare se qualcosa non va? Molto spesso le aziende che sviluppano temi e plugin rilasciano, nel giro di poco tempo, nuove versioni dei loro prodotti che saranno compatibili con il nuovo WP, ma non è sempre così. Se si stratta di plugin generici non sarà difficile sostituirli con altri che svolgono la stessa mansione, ma per altri più specifici potrebbe essere complicato trovare un sostituto o mantenere i dati salvati.

Ricordo per esempio quando è stato abbandonato lo sviluppo dal famoso plugin per siti multilingua qTranslate e ha smesso di funzionare con siti che usavano WP oltre la release 3.9, molti hanno avuto notevoli problemi a convertire le loro pagine nelle diverse lingue e comunque la cosa ha richiesto moltissime ore di lavoro.

Ricapitolando, quindi, aggiorniamo pure ma con cautela e molta attenzione. Se il nostro sito funziona bene non siamo costretti a farlo ad ogni release e verifichiamo se i cambtamenti ci sono veramente necessari. Valutiamo con molta attenzione contenuti, tema e plugin del sito, e se non è opera vostra, chiedete anche un parere a chi lo ha realizzato per sentire se esistono funzioni che magari vi sono sfuggite e che potrebbero causare conflitti. Prendete appunti sui plugin utilizzati, sulle impostazioni e fate tutti i backup possibili.

E ora via, aggiorniamoci, tenendo anche presente che, in caso di problemi, è quasi sempre possibile effettuare un downgrade (manuale, naturalmente) per tornare alla situazione e alla versione precedente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...